Diventare padre: 10 consigli per il neopapà

I primi mesi di vita del nuovo arrivato saranno molto tosti anche per il papà, anche se non ha partorito e anche se non allatta.  Diventare padre è bellissimo ma può mandare in crisi. Ecco allora 10 consigli per sopravvivere a questo nuovo inizio.

C’è poco da fare – ce la siamo cercata, tempo fa c’erano le mamme, le zie, le vicine di casa, le levatrici, le amiche, le sorelle – adesso molto spesso abbiamo solo il marito che si trova a fare il giocoliere  tra i suoi tanti ruoli acquisiti  padre di famiglia, cuoco, psicologo (della moglie neomamma), “badante” della neomamma e infine neoPAPÀ!

Personalmente non li invidio! E no, non sto dicendo che per loro sia più difficile che per la mamma.

Diventare padre: le 10 regole per la sopravvivenza

Ma ho preparato una lista delle cose che il neopapà deve tener in mente per SOPRAVVIVERE a questo sensibilissimo periodo. Sappiate, più vi SFORZERETE di seguire questi consigli e più in fretta la vostra vita tornerà a essere VOSTRA.

1) Abituatevi all’idea di servire la vostra metà

Non importa se siete Mark Zuckerberg o un giovane studente – abituatevi all’idea che dovrete “servire” la vostra donna i primi tempi dopo il parto. Portarle l’acqua mentre allatta, la copertina, aiutarla ad alzarsi, a sedersi, ecc.

2) Non fate mai paragoni

Non paragonate la neomamma a vostra mamma/cugina/nonna/sorella/cognata o ancora peggio ex moglie! Non paragonatela a nessuno, anche se intorno a voi ci sono solo super mamme tuttofare – lei è lei e non la farete sentire meglio paragonandola alle altre.

3) Fatevi formare dal personale ostetrico

Mentre la mamma riposa in ospedale dopo il parto chiedete al personale ostetrico un paio di consigli su come tenere il bambino quando piange. È un bel asso nella manica da avere per quando tornerete a casa e dovrete badare al piccolo mentre la mamma è nella doccia  o riposa.

4) Imparate le basi dell’allattamento

 La mamma dopo il parto può non ricordarsi più nulla, essere stanca e insicura e spesso il vostro aiuto con le posizioni e l’attacco è proprio quello di cui ha bisogno.

5) Non fate commenti negativi sul suo aspetto fisico

Gli unici aggettivi che dovete pronunciare parlando di lei sono: BELLISSIMA e FANTASTICA.

6) Non insistete

Anche se lei sembra già ripresa e “come prima della gravidanza” non è detto che voglia fare SESSO. Per favore NON INSISTETE, lo so ci vuole pazienza. Ma la natura non vuole che lei possa subito rimanere incinta e la protegge in mille modi da questa eventualità. La vostra prestanza non ha niente a che fare con la sua mancanza di libido. Ripeto: PAZIENZA RAGAZZI!

7) Proteggete la vostra famiglia

Proteggetela dalla influenza delle PERSONE NEGATIVE! Che sia da vostra madre o dal pediatra, siate attenti che passi meno tempo possibile con chi la fa stare male e la fa sentire insicura! 

8) Ingaggiate una colf

Se avete risorse finanziarie sufficienti fatevi un favore –  prendete qualcuno che vi pulisca la casa. Se le risorse scarseggiamo organizzatevi con i vostri famigliari o usate i soldi che avete ricevuto come regalo per il bambino! Ma NON LASCIATE la neomamma lavare i pavimenti e spolverare – le prime settimane deve occuparsi solo del bambino e di se stessa!

9) Imparate a cucinare

Anche la cucina deve diventare il vostro regno la neomamma che allatta deve mangiare regolarmente quindi organizzatevi! Non vorrete mica avere una “leonessa” affamata e arrabbiata  in casa con il vostro cucciolo attaccato al seno 

10) Non siate parsimoniosi

Abbracci, coccole, parole d’amore e incoraggiamento DEVONO essere all’ordine del giorno!

Se ora vi state chiedendo che cosa riceverete voi per tutto questo, vi ricordo che proprio in queste prime settimane metterete le basi della vostra vita futura e tutte le vostre energie saranno ripagate quando la donna fragile e bisognosa che avete accanto diventerà una mamma e compagna forte e sicura di sé. 

Sarete ripagati con una vita famigliare più serena ed equilibrata. Diventare padre non è facile, ma vi assicuro che più vi impegnerete e sacrificherete in queste prime settimane e prima potrete tornare ai vostri interessi senza drammi e litigi .

Care ragazze, siete d’accordo con i miei consigli?

Natalia

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Ottieni altri articoli simili
nella tua email

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere articoli su Gravidanza e Maternità

Grazie per esserti iscritta! Non te ne pentirai!

Qualcosa è andato storto...